Il coronavirus è sensibile ai raggi UV.

Un team di ricercatori coordinato dall'Università della California a Santa Barbara ha dimostrato come il coronavirus sia vulnerabile alla luce solare che lo rende inattivo. L'inattivazione avviene ad una velocità elevatissima: fino a otto volte...
Canali: Coronavirus, Ricerca Medica

Autore dell'articolo: Staff