Covid. Bassi livelli di vitamina D possono contribuire ad aggravare la prognosi. Lo studio dell’Iss e del Sant’Andrea di Roma

Per lo studio sono stati arruolati 52 pazienti affetti da infezione da COVID-19 con coinvolgimento polmonare (27 femmine e 25 maschi, l'età mediana era di 68,4 anni). I livelli di vitamina D erano carenti (con livelli plasmatici di VitD molto bassi,...
Canali: Coronavirus, Tamponi Coronavirus, Vitamine, Ricerca Medica, Lazio, Roma, Infezioni

Autore dell'articolo: Staff