La variante inglese contagia anche cani e gatti: rilevati i primi casi negli animali, uno in Italia


Con la grande diffusione della variante inglese B.1.1.7 del coronavirus SARS-CoV-2 in varie parti del mondo, era solo questione di tempo prima di vederla diagnosticare anche negli animali domestici, già suscettibili al patogeno "originale" di Wuhan. Diversi casi sono stati osservati nel Regno Unito, negli Stati Uniti e uno anche in Italia, un gatto di 8 anni.
Continua a leggere

Autore dell'articolo: Staff