Sanità, gli esperti: “Su vaccini servono operatori sanitari-influencer”

“Gli operatori sanitari non solo devono vaccinarsi, perché la vaccinazione è un valore morale oltre che un concetto di idoneità alla professione, ma devono diventare dei veri e propri influencer delle vaccinazioni. Su queste figure, che sono fonti attendibili di informazione per la popolazione generale, ricade una grande responsabilità”. Così Roberto Ieraci, direttore Uoc Vaccinazioni internazionali della Asl Roma 1, intervenendo al webinar “Covid Next Step: abbiamo il vaccino, ma le altre vaccinazioni?” talk online promosso e organizzato da Fare comunicazione, con il contributo incondizionato di Gsk, sul tema delle vaccinazioni oscurate dall’emergenza pandemica, in cui ha affrontato la spinosa vicenda degli operatori sanitari “no vax”: in Italia 1 su 5 rifiuta il vaccino anti Covid. “In tal caso, dovremmo passare al discorso dell’obbligo” taglia corto.

Autore dell'articolo: Staff