Cosa sappiamo della variante inglese in Italia


La diffusione della variante non è omogenea sul territorio nazionale ma più concentrata al Centro-Nord, con ampie differenze tra le diverse Regioni e Province Autonome che vanno dallo 0% a quasi il 60% dei casi di Covid. Lo indicano i dati del monitoraggio dell’ISS che, nel complesso, riportano che il 17,8% dei casi (uno su cinque) è legato al ceppo inizialmente identificato nel Regno Unito e contraddistinto da una maggiore trasmissibilità.
Continua a leggere

Autore dell'articolo: Staff