I saturimetri sono molto meno precisi nei pazienti neri: rischio di errore triplicato


Analizzando i livelli di ossigeno di pazienti neri e bianchi ricoverati quest'anno tra gennaio e luglio, un team di ricerca dell'Università del Michigan ha dimostrato che le letture dei saturimetri nei primi avevano un margine di errore triplo rispetto ai secondi. Anche in passato era emersa questa discrepanza, ma non è stato fatto nulla per risolvere il problema, emerso con forza durante la pandemia di COVID-19.
Continua a leggere

Autore dell'articolo: Staff