Il coronavirus altera l’attività cerebrale e può causare disturbi neurologici di lunga durata


Analizzando gli elettroencefalogrammi di oltre 600 pazienti contagiati dal coronavirus SARS-CoV-2, un team di ricerca americano ha determinato che l'infezione può alterare l'attività elettrica del cervello, producendo anomalie nelle onde cerebrali. Alcune sono simili a quelle sperimentate durante le crisi epilettiche. I risultati suggeriscono potenziali disturbi neurologici a lungo termine.
Continua a leggere

Autore dell'articolo: Staff