Batterio intestinale complice dell’infarto, esperto: “Pensiamo a vaccino per prevenirlo”


Abbiamo intervistato il professor Francesco Violi, coordinatore del team di ricerca italiano che ha scoperto un legame tra il batterio intestinale Escherichia coli e l'infarto. Lo scienziato ci ha spiegato il meccanismo attraverso cui il patogeno favorisce la formazione dei trombi, responsabili dell'ostruzione coronarica e dunque dell'evento cardiaco. Dai risultati di esperimenti condotti su topi è emersa la possibilità di creare di un vaccino anti-infarto e nuove terapie per trattare la fase acuta.
Continua a leggere

Autore dell'articolo: Staff