Revenge porn, perché condividiamo pubblicamente le foto intime che riceviamo


Gli scienziati si sono chiesti come mai gli adolescenti condividano pubblicamente immagini intime che ricevono privatamente e, secondo loro, la causa parte dagli adulti che ritengono il sexting un comportamento sbagliato e sconveniente: questo fa si che gli esecutori si sentano legittimati, mentre le vittime sono costrette a subire in silenzio.
Continua a leggere

Autore dell'articolo: Staff