Cellule staminali “naïve” create da italiani: rivoluzioneranno ricerca delle malattie rare


Ricercatori italiani dell'Università di Padova e di altri istituti del Veneto hanno creato rivoluzionarie cellule staminali pluripotenti indotte allo stadio “naïve”. Sono a uno stato più immaturo e permettono di seguire in vitro cosa avviene nell'embrione sin dai primissimi giorni di sviluppo, facendo emergere eventuali errori alla base delle malattie genetiche rare. Oltre a gettare le basi per terapie innovative hanno costi di sviluppo cento volte inferiore delle cellule IPS standard.
Continua a leggere

Autore dell'articolo: Staff