Gli animali imprigionati dall’uomo hanno organi modificati e non è una buona notizia


Ricercatori australiani hanno dimostrato che la prole degli animali selvatici allevati in cattività sviluppa organi morfologicamente diversi da quelli in natura. Nello specifico, sono stati osservati reni e milza con una massa inferiore. Ciò potrebbe avere un impatto negativo nella reintroduzione delle specie a rischio estinzione.
Continua a leggere

Autore dell'articolo: Staff