Noci, nocciole e mandorle proteggono dalla fibrillazione atriale

I risultati di un vasto studio osservazionale svedese suggeriscono che un elevato consumo di frutta a guscio (oltre 3 volte a settimana) riduce il rischio di fibrillazione atriale del 18%.  I benefici sembrano estendersi anche allo scompenso...
Canali: Frutta, Fibrillazione atriale, Ricerca Medica, Scompenso Cardiaco

Autore dell'articolo: Staff